picture

“Mi stanco di tutti chiacchierano su di me: come trattenermi?”

Welcome to Lumusys, your trusted partner in providing engineering, technical and other solutions for industries that heavily rely on electronics and power electronics.

Sto parlando troppo di me stesso, dello stesso. Inserisco qualsiasi frase “e l’ho fatto. “,” Ma il mio amico. “,” E non ho mai. “. Alcuni hanno l’impressione di comunicare poco, e quindi “mi spezza”. Dico sempre con la sensazione che questo sia importante e “dobbiamo sostenere la conversazione”. Sembra essere in grado di ascoltare gli altri, ma quando “mi porta”, non ti fermerai. Bene, sarebbe interessante, ma tutto dipende dai miei problemi, opinioni, ecc.D. E nessuno di questo bene esce. Un senso di boltologia insignificante uccide, specialmente quando capisco che alcune cose non si dovrebbero parlare. Non riesco a guardare i film in silenzio se qualcuno è nelle vicinanze. Tira sempre a commentare, più spesso negativo. Tutto è soggetto ad analisi, analisi. Auto -digging è la mia linea, molti dall’esterno dicono costantemente che penso troppo. Ma mi sembra che a volte ce ne siano troppo pochi (specialmente durante le conversazioni). Forse c’è un modo per controllarti? Impara non solo ad ascoltare, ma anche trattenere.

Ekaterina, 26 anni

Ekaterina, all’inizio suggerirei di riflettere su ciò che la tendenza a dire molto ti ha impedito. Dopotutto, ci sono molte persone loquaci e non per tutte questa funzione porta inconvenienti.

Forse, entrando nelle conversazioni, senti come ti perdi qualcosa in comunicazione con l’interlocutore. Sarà utile capire il motivo di questo disagio. Osserva quali sentimenti provi prima di iniziare a parlare di te.

Cerca di catturare questa sensazione: quello che è? Perché è particolarmente importante “mantenere una conversazione” e cosa significano per te queste parole. Cosa succederà se improvvisamente non supporti la conversazione? Come ti sentirai in una situazione simile? Cosa ti darà fastidio?

A volte, dietro l’abbondanza di parole e un discorso veloce

, stiamo cercando di nascondere la nostra ansia, confusione o persino paura. “Blink” l’interlocutore e noi stessi, inconsciamente paura di entrare in contatto con un tema doloroso o una situazione spiacevole. Forse, avendo ascoltato te stesso, puoi prendere un’esperienza che ti fa parlare molto.

Devi anche più di una volta che inizi a parlare prima di te. Che ne dici di te, soprattutto, voglio dire agli altri? Perché sembra importante che imparino questo? Cosa vorresti guardare nei loro occhi? Cosa hai paura di sembrare?

Cosa significa per te il processo di auto -digging? Cosa stai cercando di scoprire cosa capire? Perché ti critichi?

Scrivi che quando è in comune che guarda il film, sei costantemente attratto dal commentare ciò che sta accadendo sullo schermo. Quali cambia per te in una situazione quando sei solo? Perché è più facile per te dare una valutazione negativa del film? E qual è il significato per te l’opportunità di scambiare commenti sulla visualizzazione?

Dopotutto, oltre ad altri obiettivi per condividere l’opinione, fare un’impressione, scoprire la posizione degli altri tempi, continuiamo la conversazione, solo non sentirsi solo, per sapere che qualcuno ci sta ascoltando. Quindi commentare diventa parte del processo di comunicazione.

Catherine, chiedi come imparare a trattenerti, ma prima di tutto è importante capire di cosa ti fa parlare molto.

Con uno sforzo di volontà puoi costringersi a tacere, ma è improbabile che questo darà una comunicazione calma e confortevole. Quindi il tuo monologo può semplicemente diventare interno e continuerà a prendere forza e causare disagio.